La Romagna è il regno del Sangiovese e i vini di Romagna oggi sono apprezzati in tutto il mondo. I migliori vini romagnoli sono il frutto della storia di famiglie che hanno fatto della sapiente lavorazione di questo vitigno il loro orgoglio più grande. I terreni delle colline del forlivese nei dintorni di Predappio sono argillosi e molto asciutti e danno vini robusti, di corpo, più morbidi e con una buona predisposizione all’affinamento. Questi vini romagnoli sono perfetti in abbinamento alla cucina romagnola, dai primi piatti tipici come i cappelletti o i tortellini alle erbe, fino alla piadina con la porchetta o i funghi e la selvaggina, ma sono apprezzati anche al di fuori della nostra Regione, ove si richieda la presenza sulla tavola di un ottimo vino Rosso (Doc Superiore, Doc Riserva, Doc Superiore Riserva) in grado di accompagnare le diverse pietanze.

La Romagna è patria anche dell’Albana e del Trebbiano che ci regalano vini romagnoli perfetti per aperitivi o primi piatti più delicati come i passatelli in brodo, o vini da dessert.

L’enoturismo, abbinato alla bellezza delle sue città e delle sue colline, è una pausa perfetta per farti degustare i vini tipici romagnoli. Vieni a trovarci a Predappio Alta!

Clicca sui nomi dei nostri vini per scoprire vitigni, vinificazione e abbinamenti!

I nostri vini

Il Sangiovese Riserva “VIGNA DEL GENERALE” nasce dalla più vecchia vigna, di circa 90 anni, ancora esistente nel paese di Predappio, deve il suo nome e l’etichetta alla sua storia, alle vicende di un generale amante del vino che al ritorno dalla guerra acquistò il miglior terreno che c’era in paese e ci piantò le viti di Sangiovese, un Sangiovese dall’acino piccolo molto particolare in grado di poter dare vini molto longevi, da poter essere degustati anche dopo 10, 15 o 20 anni. Il generale aveva un amico molto speciale che si aggirava fra le sue vigne: un Lupo! Ghiotto d’uva! con la quale spesso si macchiava il manto grigio. Questa è la storia che ancora oggi si racconta in paese, da cui nasce questo vino prodotto in quantità limitata e non per tutti, è corposo, minerale, e complesso sia all’olfatto che al gusto, bisbetico nei primi anni di vita per poi ammorbidirsi col tempo.

Predappio di Predappio – Vigna del Generale

Romagna Sangiovese DOC Superiore Riserva

.

Sangiovese ad acino piccolo, matura due anni in botti di rovere da 30 hl, a cui seguono tre mesi di affinamento in bottiglia. Colore rubino granato, al naso è complesso, con evidenti note speziate, specie di grafite, ma anche di caffè e cioccolato, e profumi di viola, melograno, frutti di bosco, ciliegie. In bocca è equilibrato, di ottima struttura, elegante, con finale molto lungo e morbido ben sostenuto da tannini vivaci.

Si consiglia con carni rosse, selvaggina e cacciagione.

Premi 2016

  • “TRE BICCHIERI” sulla guida Vini d’Italia Gambero Rosso edizioni 2009, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016 e 2017.

  • Inserito “TOP HUNDRED” i 100 migliori Vini d’Italia De il Glossario di Massorbio e Gatti.
  • “5 GRAPPOLI”, valutazione dell’Eccellenza, sulla guida DuemilaVini Ais edizioni 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016 e 2017.
  • Inserito tra le “ECCELLENZE” sulla guida L’Emilia Romagna da Bere edizioni 2008/2009, 2009/2010, 2011/2012, 2014/2015, 2015/2016 e 2016/2017.
  • Valutazione di Eccellenza, “4 VITI”, sulla guida Ais “Vitae” 2015, 2016 e 2017.

Tre Rocche

Romagna Sangiovese DOC Superiore

.

Si ottiene da uve Sangiovese ad acino grosso ed ovale. Dopo un breve affinamento in botte prosegue poi in bottiglia. Si presenta con un bel colore granato violaceo che introduce profumi di melograno e viola; al palato è asciutto, rotondo e vellutato, giustamente tannico.

Si consiglia con primi piatti, carni in genere, pesce azzurro e zuppa di pesce.

  • “Due Bicchieri Rossi” sulla guida Vini d’Italia Gambero Rosso Ed. 2015.
  • “Due Bicchieri” sulla guida Vini d’Italia Gambero Rosso edizioni 2012,2013 e 2014

Nero di Predappio

Sangiovese – Terrano IGT

.

Nasce da un esperto uvaggio fra Sangiovese grosso di collina e Terrano. Questo uvaggio di nobili uve è proprio della tradizione romagnola e conferisce a questo vino rosso una caratteristica particolare e una forte personalità. Di colore rubino ombroso temprato dal rovere, apre su note di frutti secchi, sottile marasca e viola, mentre in bocca è asciutto ma morbido, con spiccato retrogusto di rovere dolce dato dall’uso della barrique.

Ideale con paste asciutte, arrosti, carni grigliate e formaggi stagionati.

  • Valutazione di “Eccellenza” sulla guida l’Emilia Romagna da Bere edizioni 2016/2017 e 2014/2015

I Mandorli

Romagna Sangiovese DOC Superiore

.

Sangiovese dall’acino grosso. Il colore è rosso rubino, come da tradizione: al naso esprime spiccati profumi floreali e fruttati. Al gusto si dimostra asciutto ma morbido, vinosamente schietto e franco.

Si consiglia con affettati, piatti della tradizione romagnola, pasta al sugo e carni rosse.

Grigio d’Appio

Bianco Frizzante

.

Nasce da un uvaggio di Trebbiano e Pinot, in fermentazione naturale. Si presenta con colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, con perlage consistente e duraturo. Al naso si evidenziano sentori di mammola e fiori bianchi; in bocca è asciutto, piacevolmente scorrevole e fresco.

Ottimo come aperitivo, con antipasti e piatti di pesce non impegnativi; è vino da compagnia. Servire a 10 °C.

Grigio Brut

Spumante Brut

.

Nasce da un uvaggio di Trebbiano e Pinot, è uno spumante Metodo Charmat. Si presenta con colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, con perlage consistente e duraturo. Mostra un carattere fresco con buona acidità e profumi delicati; il perlage è fine e persistente.

Ottimo come aperitivo, con antipasti e con tutti i tipi di pesce. Servire a 10 °C.

Passolo

Vino bianco da uve stramature

.

Un’attenta selezione di uve Albana, lasciate ad appassire in graticci per due mesi, per essere poi fermentate ed affinate in caratelli di legno. Nel bicchiere il colore è giallo dorato intenso, tendente all’ambra, con profumi persistenti di frutta secca, fichi, albicocche; al gusto è pieno ed avvolgente con retrogusto amarognolo.

Si consiglia con pasticceria secca, biscotteria e alla tradizionale ciambella romagnola. Servire fresco.

Pin It on Pinterest

Shares
Share This